“Il fare è il miglior modo di imparare.”
(G. Leopardi)

Imparare.fare.

Un nome, un’associazione tra persone

Un nome, un’associazione tra persone

Abbiamo fondato un’associazione: IF-ImparareFare.

L’imparare e il fare sono, insieme, al centro di ogni scoperta, realizzazione, apprendimento umano. Li abbiamo messi insieme: imparare.fare

La sigla è diventata IF, che in inglese significa “se”.
E se si fa questo… e si si pensa questo… e se si spingono le cose in questa direzione… e se si cambia modello in questo senso….
E se si prova a….

E’ la promessa di una ricerca, di un impegno, di una strada da percorrere, insieme ai ragazzi, per mobilitare le loro energie e favorire vero riscatto, per loro, per noi, per la città di Napoli, che è sempre più città del mondo.

Così, la sigla è diventata IF, che in inglese significa “se”.
E se si fa questo… e si si pensa questo… e se si spingono le cose in questa direzione… e se si cambia modello in questo senso….
E se si prova a….

E’ la promessa di una ricerca, di un impegno, di una strada da percorrere, insieme ai ragazzi, per mobilitare le loro energie e favorire vero riscatto, per loro, per noi, per la città di Napoli, che è sempre più città del mondo.

La nostra idea

L’associazione IF-ImparareFare nasce a Napoli per favorire la preparazione e l’avviamento dei giovani – soprattutto poveri e poveri di conoscenze e competenze – all’istruzione, alla formazione professionale e al lavoro, migliorando e innovando i servizi educativi e partecipando alla costruzione di comunità educanti.  

Il nostro primo punto di riferimento è la Costituzione della Repubblica Italiana, in particolare l’Articolo 3:

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

Il nostro primo punto di riferimento è la Costituzione della Repubblica Italiana, in particolare l’Articolo 3:

“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.”

IF-ImparareFare

è al lavoro per:

\

prevenire e contrastare le diverse forme di esclusione, fragilità e disagio;

\

costruire contesti didattici ed educativi innovativi, a scuola e fuori scuola;

\

sostenere opportunità di apprendimento comunitario dedicate a ogni età della vita;

\

formare i formatori e supportare i contesti inter-professionali che si dedicano all’educare;

\

accompagnare comunità educanti nel fondere azione, riflessione, rigenerazione degli spazi e della vita in città sulla base di solidarietà, dialogo e benessere;

\

creare esperienze innovative di formazione professionale;

\

progettare e sostenere percorsi professionalizzanti attraverso tirocini formativi on the job;

\

progettare e attuare anche insieme ad altri soggetti pubblici e privati, i processi di valutazione e monitoraggio delle azioni dedicate ad apprendimento, inclusione lavorativa, educativa e sociale;

\

sviluppare start-up e accompagnamento all’imprenditoria locale;

\

battersi – creando ogni alleanza utile – per migliorare le politiche dedicate a lavoro, ambiente, scuola, educazione e apprendimento diffuso, inclusione e coesione sociale.

In evidenza

Trailer Attività

Guarda il nostro piccolo riepilogo in cui mostriamo come svolgiamo i nostri incontri e ascolta direttamente dalla voce dei ragazzi come, grazie alla sinergia tra loro e noi, riescono ad apprendere e mettere in pratica le tecniche e gli approcci condivisi.